Presentazione 24^ edizione

Siamo ormai arrivati al traguardo della 24^ edizione e anche quest’anno, come nostra consuetudine, presentando la nuova edizione della “10 ore di sport e solidarietà”, cogliamo l’occasione per tratteggiare il profilo dell’associazione che sarà protagonista della nostra attenzione. Accanto alla raccolta di fondi, per noi rimane fondamentale dare visibilità e ragione all’impegno di associazioni che operano nel sociale.
Come sempre affermiamo che esse rappresentano una preziosa ed insostituibile opportunità per le comunità all’interno delle quali operano, che merita di essere conosciuta, valorizzata e diffusa; talvolta, infatti, anche la semplice conoscenza della loro esperienza e del loro operato può essere un eccellente riferimento per chi necessita di un aiuto specifico o semplicemente di aderire con un proprio impegno personale.
La promozione di queste associazioni ha lo scopo di generare sensibilità e, così, un allargamento della rete di solidarietà, che in una società come la nostra, sempre più propensa ad un esasperato individualismo e, perciò, scarsamente attenta alla persona e alle sue necessità, diventa fondamentale per la costruzione di una comunità solidale.
Quest’anno la nostra associazione ha deciso che il ricavato della manifestazione sarà interamente devoluto all’“Associazione conGiulia Onlus” di cui vogliamo brevemente tratteggiare profilo ed obiettivi. Prima di descrivere brevemente l’associazione, è doveroso, per la particolare testimonianza che rappresenta, conoscere e capire, anche sinteticamente, la figura di quest’adolescente in tutta simile a tanti nostri ragazzi ma che la malattia, attraverso una fede semplice ma straordinaria, ha trasformato in quel “inno alla vita” che spesso i genitori citano nelle loro testimonianze. Giulia Gabrieli, 14 anni, malata di tumore, è morta la sera del 19 agosto 2011, a casa sua, nel quartiere di San Tomaso de’ Calvi, a Bergamo, proprio mentre alla Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid si concludeva la Via Crucis dei giovani. Giulia, non è guarita, eppure è riuscita a trasformare i suoi due anni di malattia in un inno alla vita, in un crescendo spirituale che l’ha portata a dialogare con la sua morte: «Io ora so che la mia storia può finire solo in due modi: o, grazie a un miracolo, con la completa guarigione, che io chiedo al Signore perché ho tanti progetti da realizzare e li vorrei realizzare proprio io. Oppure incontro al Signore, che è una bellissima cosa. Sono entrambi due bei finali. L’importante è che, come dice la beata Chiara Luce, sia fatta la volontà di Dio». Giulia era fatta così: diceva queste cose enormi, che a noi adulti sembrano impronunciabili, con la leggerezza dei suoi 14 anni. Eppure, era una ragazza normale. Anzi, rivendicava spesso la sua normalità: era bella, solare, genuinamente teatrale, amava viaggiare, vestirsi bene e adorava lo shopping. Un’esplosione di raffinata vitalità, che la malattia, misteriosamente, non ha stroncato, ma amplificato.” L’ eco che la storia di Giulia ha avuto ha portato il Vescovo e la Curia di Bergamo ad osservarne i frutti e a decidere di approfondire le radici da cui essi sono nati e maturati, annunciando per Giulia l’apertura della causa di beatificazione. Questa è avvenuta ufficialmente il 7 aprile 2019 alle 20.30, presso il Santuario della Madonna dei Campi di Stezzano, quando il Vescovo Francesco Beschi ha dato avvio alla fase diocesana del processo ed ha proclamato Giulia “Serva di Dio”. L’ “Associazione ConGiulia Onlus”, costituita dai genitori – Antonio e Sara – e da alcuni familiari e amici, nasce pochi mesi dopo la partenza di Giulia per il cielo, con l’intento di dar forma ai progetti che lei aveva in cuore. Tutte le attività che sono nate dall’ esperienza di Giulia – le testimonianze, la preghiera dei piccoli, la pubblicazione del suo libro e le varie iniziative – sono i primi frutti di questo cammino che continua insieme a Giulia. I progetti dell’Associazione, rivolti in modo particolare ai giovani e ai bambini malati, sono di varia natura e coprono ambiti molto importanti, qui ne riportiamo solo alcuni, ma entrando nel sito www.congiulia.com, è possibile vedere e approfondire tutti i progetti che l’Associazione sta promuovendo. In sintesi:
• Progetto “Quasi a casa” la cui finalità è quella di garantire una forma di “ospedalizzazione pre-domiciliare” per quei bambini/pazienti che non hanno più bisogno di cure intensive tali da essere ospedalizzati e che comunque si trovano in una fase dove necessitano ancora di cure e attenzioni giornaliere da parte degli operatori sanitari.
• Progetto “Muoviamoci insieme” il cui obiettivo è di offrire un programma riabilitativo personalizzato, mediante figure professionali specifiche, volto alla prevenzione delle
problematiche neuromotorie e ortopediche che i piccoli pazienti possono sviluppare in seguito alle terapie di cura e ai lunghi periodi di degenza a letto.
• Progetto “Medicina narrativa”. La narrazione in medicina pone attenzione alle storie di malattia che sempre accompagnano la persona malata e come tali devono essere onorate. Occuparsi della cura della patologia non deve infatti distogliere dal vissuto unico e personale di chi si trova a un certo punto della propria vita a fare i conti con una patologia.
• Progetto “Scuola estiva in ospedale”, questo impegno nasce con l’obiettivo di permettere ai bambini e ai ragazzi malati di proseguire le attività didattiche anche durante il periodo estivo, quando la scuola statale normalmente interrompe le lezioni.
• Progetto “Parole in gioco”. È un progetto di medicina narrativa dedicato ai giovani del reparto di oncologia pediatrica. La figura di riferimento è una pedagogista che con
professionalità e competenza aiuta il bambino a recuperare una sua immagine che non sia solo l’essere “malato”.
• Borse di studio: ogni anno l’”Associazione conGiulia Onlus” si impegna a sostenere il reparto di Oncologia pediatrica con l’assegnazione di borse di studio a vario titolo (biologo a supporto del reparto con funzioni di data-manager, infermiera legata al progetto “Quasi a casa “, medico pediatra legato al progetto “Quasi a casa “, fisioterapisti per il progetto
“Muoviamoci insieme “)

Ogni anno, inoltre, l’”Associazione conGiulia Onlus” propone un concorso artistico-letterario rivolto alle scuole di ogni ordine e grado su tematiche di attualità che vengono scelte annualmente. Tornando a questo punto alla nostra manifestazione, rammentiamo che, come sempre lo scopo di questa iniziativa è quello di avvicinare ragazzi, giovani e meno giovani, all’attività sportiva, facendo trascorrere una giornata di divertimento finalizzata ad un gesto di solidarietà. Questo rimane il nostro impegno di sempre.
Nella passata edizione, la prima dopo la pandemia e quindi tre anni di fermo, abbiamo avuto la partecipazione di ben 1092 iscritti che evidenzia la grande sensibilità dei partecipanti attorno al tema essenziale della Solidarietà e il desiderio di ridare vitalità a questa manifestazione. Grazie agli atleti abbiamo potuto raccogliere 10000 euro che sono stati devoluti all’associazione “Associazione Pollicino 2.0 O.D.V.”.
Vogliamo ricordare, inoltre, che nel mese di maggio, nostri volontari, accompagnati da alcuni membri dell’Associazione presenteranno, come sempre, ai nostri ragazzi a scuola questa esperienza straordinaria. Riprendiamo quest’anno, dopo una pausa di qualche edizione, la tradizionale proposta di una serata dedicata alla presentazione pubblica dell’Associazione, presentazione che quest’anno avrà un valore particolare perché prevede la testimonianza dei genitori di Giulia. (21 maggio ore 20,45 presso l’Oratorio)
Ricordiamo che quest’anno la manifestazione si terrà sabato 25 e domenica 26 maggio! Per concludere, ci piace sempre rammentare l’indissolubile legame esistente tra sport, in particolare nella sua dimensione educativa, e di solidarietà. Ci sembra, quindi, doveroso anche quest’anno, ricordare a tutti coloro che parteciperanno, che un piccolo gesto come la partecipazione a questa “festa sportiva” che è la “10 ore” porta con sé un grande significato adatto a grandi e piccini, quello, cioè, di educarci a donare gratuitamente. Vi aspettiamo con gratitudine….


Associazione “10 ore di sport e solidarietà”


 

Scarica il volantino della 24^ edizione: alta risoluzione  PDF 10MB    oppure in bassa risoluzione   PDF 5MB

 

Partecipazione: n. ?  atleti  (n. ? maschi, n. ? femmine)
Nuovi e vecchi: ? nuovi iscritti, ? vecchie conoscenze
Il più giovane:  
Il più vecchio:  
Età media: ? anni

Importo devoluto: ?  euro